i ristoranti selezionati da LiveFvg
Al Pescatore
foxnose
Ristorante Pizzeria la Darsena
Altre notizie
I video consigliati

Ducato dei Vini Friulani, l’intronizzazione della dott.ssa Ha Sha

Si è svolta al ristorante Elliot di Manzano la manifestazione eno-gastronomica organizzata dal Ducato dei vini friulani, patient che ha intronizzato la dott.ssa Ha Sha che ha una grande passione per il bel paese, sta lavorando e studiando per la stesura di un libro che parlerà della cultura italiana, in cui verranno enfatizzati anche i prodotti tipici italiani e friulani, soprattutto per quel che riguarda il mondo del vino. Un grande elogio per quanto riguarda i vini bianchi, ma anche i rossi non sono da meno.

Roberto De Grandi

Un commento su “Ducato dei Vini Friulani, l’intronizzazione della dott.ssa Ha Sha”

  1. Lucas ha detto:

    ciao a tutti, io sono una dei 400 ragazzi pttairi da trento per il viaggio, il mio primo viaggio, verso cracovia. sono partita con un atteggiamento curioso e con molte domande, sono tornata con voglia di raccontare, un po di amarezza e con circa qualche migliaio di domande in pif9.abbiamo discusso prima, durante e dopo il viaggio a cracovia. ascoltando i miei coetanei e tutti i discorsi che abbiamo fatto ho notato che ogni cosa che si diceva ogni singolo argomento, opinione, veniva ascoltata, criticate, riflettuta. ma mai, giudicata. chi giudica, o meglio chi l’ho ha fatto, credo che non avrebbe dovuto permettersi di farlo. questa non e8 una richiesta mia, ma di uno dei signori ex deportati con il quale abbiamo avuto tutti l’onore di parlare. loro, che potrebbero giudicare perche8 l’inferno l’hanno vissuto, non l’hanno fatto, perche8 dovremmo farlo noi?il giorno della visita ai campi mi sono alzata e mi sono resa conto che quel giorno, probabilmente qualcosa sarebbe cambiata, e inconsapevole, sono partita. la prima visita, auschwitz, e8 stata forse (lasciatemi il termine) troppo facile. e8 stato forte ma allo stesso tempo questo luogo di morte adibito a museo mi ha fatto quasi senso proprio per il fatto di elencare le situazioni orrende: qua c’e8..questi sono.. . non lo so era tutto troppo rifatto e meccanizzato. rivendendo le foto comunque l’emozione non si e8 fermata.pulmann, si riparte verso Birkenau. di Birkenau invece mi ha colpito la grandezza. quel posto e8 incredibilmente grande, terribile nella precisione in cui e8 stato studiato. camminavamo tra baracche e sanitari tra letti e scritte tedeche sui muri delle baracche, assurde. tutto assurdo. sei li, ti senti impotente e assolutamente stupido una nullite0 in confronto a quello che e8 stata la storia. ti chiedi il perche8 di tutto quello che stai vedendo e cerchi di trovare una risposta a tutto questo. ma niente. assolutamente niente. geniali nella loro follia? folli nella loro genialite0? non lo so! non lo sa nessuno.la nostra visita ai campi e8 finita con una splendida e davvero commovente commemorazione. eravamo li, tutti e 700. li per un abbraccio comune a chi li ha lasciato la vita e a chi la vita se l’e8 ripresa.termino e mi scuso per questo mio pensiero forse un po lungo, ringrazio tutti coloro che mi hanno permesso di fare questo magnifico viaggio e saluto tutti i miei compagni d’avventura. mando un ultimo grande abbraccio a quei tre adorabili signori che ammiro come nessun’altro al mondo. grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post navigation

Eventi
Dalla pagina Facebook
Stabilimento Tivoli
Ristorante Allegria
Key West Beach Club
Gubane Dorbolò
TRATTORIA ALLA BERLINA
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com